T.O.M.

Tales Of Me

in scena: Stefano Pettenella

Semifinalista al premio internazionale Lidya Biondi.

Vincitore premio "giuria degli allievi" premio nazionale Giovani Realtà Del Teatro.

GALLERY

Nascono, a volte, delle persone che non hanno alternativa, non hanno speranza.

Nascono già vecchi, cattivi, matti e quando incontrano l’arte, in tutte le sue forme, allora diventano dei rivoluzionari. Nelle loro opere si gustano le storie che hanno vissuto, visto, sentito e immaginato. E quando noi incontriamo queste storie, noi normali, non possiamo fare altro che raccontarle.

Così nasce “TOM: Tales Of Me”, dall’incontro tra le poesie di: Vladimir Majakovskij, Federico Tavan e Tom Waits, assemblate, raccontate e danzate da Stefano Pettenella.

L’urgenza che ruggisce al di sotto di questo esperimento di teatro fisico è quella di testare sulla pelle viva come, dal disagio, è nata la loro arte… e viceversa.

Cosa può significare la parola Controcultura?